• Cardiologia; Cardiologia Pediatrica
  • Sin dall’inizio del servizio presso la Cardiologia della “Casa del Sole” e quindi presso l’ARNAS Civico, P.O. Di Cristina, ove il reparto è stato trasferito nel novembre 2011, l’attività del dott. Mongiovì si svolge nell’ambito della cardiologia pediatrica e dei cardiopatici congeniti, e la sua competenza medica si sviluppa in terapia intensiva ed in corsia, e, contemporaneamente, verso l’acquisizione di capacità tecniche e competenze professionali nell’esecuzione di indagini strumentali specificatamente dirette alla diagnosi e cura del paziente con patologia cardiologica congenita. Le competenze strumentali acquisite riguardano l’elettrocardiografia, l’ecocardiografia, l’ECG dinamico secondo Holter, l’ergometria.

    Nel campo assistenziale l’ecocardiografia è l’attività principale, vista anche l’importanza cruciale di questo esame nella diagnosi delle patologie congenite, e segue negli anni lo sviluppo di questa metodica utilizzando tutti i nuovi sviluppi tecnici offerti.

    Dagli anni ’90 l’ecocardiografia fetale è uno dei suoi principali campi d’azione, con l’effettuazione di un numero elevatissimo di esami presso il laboratorio della “Casa del Sole” riconosciuto dall’Assessorato Regionale alla Sanità come Centro di Riferimento Regionale di II livello.

    Estremamente significativo è stato quindi il numero di casi patologici, anche notevolmente complessi, valutati e diagnosticati in totale autonomia. Da ciò è partita una florida produzione scientifica con diversi lavori editi su riviste internazionali di elevato impatto, la collaborazione nella stesura di testi, l’organizzazione di corsi a tutti i livelli, anche all’estero, la presentazione di relazioni e comunicazioni in congressi nazionali. internazionali e mondiali.

    In epoca neonatale centinaia sono le cardiopatie congenite diagnosticate ecograficamente, coprendo in un lungo arco temporale, praticamente tutti i quadri patologici cardiaci congeniti.

    Attento agli sviluppi della metodica ecografica, si è occupato nel tempo di ecocardiografia transesofagea, effettuata anche per la valutazione intraoperatoria durante uno stage di formazione. Negli ultimi tempi infine si occupa di Doppler Tissutale, delle nuove tecniche di strain e strain rate per giungere infine all’ecocardiografia tridimensionale.

    Dalla metà degli anni ’90, con l’avvento dell’aziendalizzazione della sanità, si occupa in prima persona delle nuove problematiche frequentando corsi e riunioni di management, DRG, budget, carichi di lavoro, riportando nell’ambito del reparto una serie di informazioni utili per la compilazione delle SDO, per l’ottimizzazione delle risorse, per il cambiamento culturale verso efficienza e produttività.

    Nel 2000, quando l’organizzazione della U.S.L. richiede al Primario del reparto una proposta per gli incarichi dirigenziali, viene proposto come responsabile dell’Unità Operativa Semplice di Day Hospital, nella quale infonderà energie e capacità organizzative affiancando alle altre attività svolte quella del follow – up dei cardiopatici congeniti operati. Considerato lo sviluppo del settore seguirà nel tempo la crescita di ragazzi, adolescenti, giovani adulti acquisendo una specifica competenza nel nuovo universo dei “GUCH”, i cardiopatici congeniti ormai diventati adulti. Anche in questo campo “esporterà” la sua attività al di fuori dei confini del reparto venendo coinvolto in variegate attività congressuali ed organizzative.

     

    Numericamente l’attività svolta nell’ultimo decennio si può così riassumere:

     

    - ecocardiografie pediatriche N. 11000 esami - test ergometrici N. 700

    - ecocardiografie nei GUCH N. 4000 esami - Holter N. 2000

    - ecocardiografie fetali N. 4500 esami - ricoveri

    - ecocardiografie transesofagee N. 120 esami - DH

     

    Va ricordata alla fine, ma non ultima, l’attività svolta in regime di attività libero professionale intramuraria (ALPI) che lo vede come medico richiesto ed apprezzato da molti pazienti e da molti colleghi che gli inviano i propri assistiti.

    Sin dal 1999 ha partecipato come medico responsabile alle missioni umanitarie; è membro della SICP ( Società Italiana Cure Palliative), di cui è stato Delegato Regionale, della ANMCO ( Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri ) e della SIEC ( Società Italiana Ecografia Cardiovascolare).

    Ha partecipato a numerosi corsi e congressi a livello regionale, nazionale ed internazionale, ed è stato organizzazotri di corsi e congressi , ultimo dei  quali il IV Congresso Siciliano di Cardiologia e Cardiochirurgia.

    Autore di numerosi lavori scirntifici editi su riviste internazionali e nazionali,  ha ricoperto anche docenze universitarie nel corso di specializzazione in Cardiologia dell'Università degli Studi di Palermo ed e' stato Docente al Master di Cardiologia Pediatrica dell'Università degli Studi di Messina.