• Cos’è l’ Ecografia?

    La parola “ecografia”, di origine greca, corrisponde letteralmente “a scrittura dei suoni”. In realtà l'esame ecografico utilizza un tipo particolare di suoni: gli ultrasuoni (US) così denominati poiché indicano frequenze sonore poste al di sopra di quelle normalmente percepite dall'orecchio umano. Ogni apparecchio utilizzato per eseguire un esame ecografico è dotato di una sonda che emettendo ultrasuoni, attraverso i vari tessuti del corpo umano, generano echi. L'esame ecografico non comporta l'impiego di raggi X. Si tratta perciò di UN'INDAGINE DIAGNOSTICA ASSOLUTAMENTE INNOCUA. L'esame ecografico può essere ripetuto tutte le volte che se ne dimostri l'utilità e la necessità; rappresenta perciò il test di screening ideale in molteplici indagini epidemiologiche e di medicina preventiva.

     

    Prima dell’esame

    Per lo studio degli organi addominali (in particolare, fegato e colecisti) è buona norma OSSERVARE IL DIGIUNO ASSOLUTO PER ALMENO 6 ORE PRIMA DELL'ESAME (acqua e medicinali possono essere assunti liberamente). Per lo studio degli organi pelvici, invece (vescica, utero ed ovaie, prostata), È NECESSARIO AVERE LA VESCICA PIENA (aver finito di bere 1/2 litro di acqua circa 1 ora prima dell'esame). Per tutti gli altri esami non è necessaria alcuna preparazione. Il personale addetto informerà sull’adeguata preparazione al momento della prenotazione.

    Durante l’esame

    L'esame non è né doloroso né fastidioso: il medico radiologo spalma un gel conduttore sulla superficie cutanea sovrastante il tratto da esplorare e muove su di essa la sonda ecografica; l'esame dura 10 minuti, durante i quali il paziente deve evitare movimenti e deve, in certi momenti eseguirli su richiesta dello specialista.

    Dopo l’esame

    Potete tranquillamente tornare alla vostra vita quotidiana. Il nostro servizio consegna gli esami dopo circa 10 minuti, ovvero il tempo necessario per analizzare i dati ottenuti.